Rebels: in origine Kanan doveva morire nella seconda stagione

L'idea originale era ben diverso rispetto a quanto visto

Tra i prodotti più amati dai fan di Star Wars c’è sicuramente la serie animata Rebels, sequel di Episodio III e vede tra i protagonista Kanan Jarrus, l’ultimo dei padawan. Sapevate che in origine Kanan doveva morire già nella seconda stagione?

Occhio agli spoiler se non avete visto la serie!

Come visto, Kanan è stato addestrato dalla sua maestra Depa Billaba, sacrificatasi per salvare il suo padawan da morte certa durante l’Ordine 66. All’inizio della serie, incontra Ezra Bridger, un giovane di Lothal anch’esso sensibile alla forza e lo aiuterà a conoscersi e comprendere le proprie abilità, fino ad instaurare un bellissimo legame con il suo padawan, ma quel legame sarebbe dovuto durare poco.

Il doppiatore di Kanan, Freddie Prinze Jr., rivela che il suo personaggio sarebbe dovuto morire alla fine della seconda stagione, ucciso dall’ex Sith Maul. Ma i piani alti decisero di cambiare strategia e quindi Prinze Jr. continuò a doppiarlo, spiegando che lui e Filoni parlarono a lungo della morte del personaggio. Viene da pensare che l’episodio fosse “Il crepuscolo dell’apprendista” dove lui, Ezra, Chopper e Ahsoka andarono al tempio Sith di Malachor, luogo off-limits per i Jedi. Lì incontrarono Maul, il quale voleva tendere una trappola ad Ezra e renderlo il proprio apprendista.

Quì Maul e Kanan duellano e Maul privò il Jedi della vista con un colpo di spada laser, ma a questo punto è facile ipotizzare che nella versione originale, Maul lo avrebbe ucciso.

 

Altre storie
The Mandalorian: Michael Biehn entra nel cast della seconda stagione, primi dettagli sul suo personaggio