Star Wars: Bob Iger fa mea culpa sulla gestione degli ultimi film di Star Wars

Il Presidente della Disney fa un passo indietro e ammette gli errori sul franchise

Non per fare polemica, ma meglio tardi che mai!

Gli ultimi film di Star Wars sono stati molto criticati dai fan sopratutto lo spin-off su Han Solo, film che non è stato apprezzato dai fan ma colpa della Disney che non ha saputo gestire il marketing del film e che sopratutto lo ha fatto uscire a ridosso di un film come Infinity War.

Bob Iger fece mea culpa per quello che è successo e lo fa ancora oggi però ampliando il discorso anche agli ultimi film, ovvero la trilogia sequel. Il presidente e CEO della Disney afferma:

“Penso che abbiamo avuto un po’ troppa fretta in materia di immissione [dei film di Star Wars, ndr.] sul mercato. Per quel che mi riguarda, penso che le possibilità e capacità di storytelling che abbiamo nella nostra compagnia siano migliori di quanto non siano mai state, anche grazie all’afflusso di persone arrivate con la Fox.”

I piani iniziali della Lucasfilm e della Disney prevedevano un film di Star Wars all’anno, con un’alternanza tra capitoli della saga principale e spin-off. Con Solo la strategia è cambiata, un po’ per paura e un po’ per la piattaforma Disney+, decidendo quindi di puntare sulle serie tv.

Iger però racconta del malumore della Fox, visto che si occupava della distribuzione del film, dopo il passaggio della Lucasfilm alla Disney:

“Ruper [Murdoch, ndr.] era impazzito per via del nostro acquisto della Lucasfilm. Erano i distributori di tutti i film di George Lucas ed era molto deluso dalla sua gente, dal fatto che nessuno avesse avuto la nostra idea.”

Altre storie
Star Wars, Rian Johnson: “fare film per assecondare i fan ti porta al risultato opposto”