J.J. Abrams commenta le critiche di George Lucas e ammette sulla morte di Snoke: “Inizialmente ho riso”

Il regista dell'ultimo film rilascia alcune dichiarazioni interessanti

Il regista ci va leggero con il padre del franchise.

Negli ultimi tempi le dichiarazioni di George Lucas contro la trilogia sequel non ha reso felice la Lucasfilm e lo stesso Abrams ha voluto rispondere alle critiche del padre del franchise, sul fatto che la trilogia sequel non avesse portato niente di nuovo:

“Ho solo gratitudine per George. Probabilmente è una cosa complicata per lui. Decidere che venderai questa cosa che hai creato, che era il tuo bambino, a qualcuno – deve essere più complicato che firmare un assegno e sorridere. Ma è stato incredibilmente gentile. È stato super generoso”.

Un commento che sicuramente cerca di non scatenare polemiche ma che si cerca di spegnere ogni altra qualsiasi problematica futura. Successivamente il regista dell’ultimo episodio ha rivelato di aver riso quando ha letto la sceneggiatura di Episodio VIII nella parte in cui muore Snoke:

“Quando ho letto la prima bozza della sceneggiatura mi ha fatto ridere perché ho visto che era il suo approccio e la sua voce. Ho avuto modo di vedere dei montaggi del film mentre ci stava lavorando, come membro del pubblico e ho apprezzato le scelte che ha preso come filmmaker, che probabilmente sono molto diverse da quelle che avrei preso io. Sarebbe accaduto lo stesso se fosse stato lui a lavorare a Episodio VII, avrebbe compiuto scelte diverse.”

Insomma, alla fine Abrams ha apprezzato la scelta fatta da Rian Johnson.

Altre storie
Star Wars: L’Ascesa di Skywalker, un leak potrebbe aver fornito informazioni sui genitori di Rey?