Episodio IX: Adam Driver racconta di come è stato convinto da Abrams e di come ha temuto il licenziamento al primo giorno in Episodio VII

In occasione dell'ultimo film della saga, l'attore rivela alcune curiosità

L’attore tornerà nell’ultimo film nei panni di Kylo Ren.

Mancano due settimane all’uscita di Episodio IX e finalmente vedremo l’atto conclusivo tra Rey e Kylo Ren. Quest’ultimo è stato sicuramente uno dei personaggi più importanti e ben riusciti di questa trilogia: complesso, in costante crescita e che troverà in quest’ultimo film la sua strada definitiva. In una recente intervista Adam Driver, interprete del villain, ha apprezzato l’approccio di Abrams alla saga e ha raccontato di come è stato convinto dal regista ad accettare quel ruolo:

“Non avevo idea di come sarebbe stata la sceneggiatura o il mio personaggio. Quando Abrams mi spiegò tutto rimasi stupito dal suo progetto e di come era stato costruito il mio personaggio. Era tutto davvero fantastico.”

L’attore ha poi rivelato di aver temuto il licenziamento durante il primo giorno di riprese di Episodio VII. Come ricorderete, la prima scena che gli è stata fatta girare era quella in cui Kylo Ren fa la sua prima apparizione e uccide Lor San Tekka, interpretato da Max von Sydow. Adam dichiara che girare quella scena fu davvero difficile poichè non vedeva bene attraverso la maschera:

“La prima cosa che ho dovuto fare è stata quella di uccidere Max von Sydow. Ho questa lunga sciabola e non riesco a vedere dove sto andando, quindi non volevo colpire Max il primo giorno. Sarebbe stata la fine del film, per me.”

 

 

Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed
Altre storie
Star Wars: L’Ascesa di Skywalker, finalmente il trailer finale!